Tweet This

Indebitati fino al collo (che inizia a fare male)

Magari siete una famiglia morigerata e accorta. Ponete attenzione alle spese e soprattutto non vi fate ingannare dagli acquisti compulsivi, il più delle volte per cose prettamente inutili, pagabili in comode rate. Tutto a posto? Per ridurre consumi e rifiuti, e per evitare ulteriori problemi alla biosfera, sì. In senso assoluto invece non siete a posto per niente. Già solo il fatto di risiedere in Italia, e di essere cittadini italiani, vi posiziona nella lista dei debitori. 89.044 euro a famiglia, per la precisione. Diciamo 90 mila euro.

E per entrare ancora più nello specifico, oltre 31 mila euro a cranio. Anziani pensionati e bambini appena nati inclusi.

Non è una provocazione, ma la realtà. Secondo gli ultimi dati resi noti dalla Banca d’Italia, aggiornati a novembre 2010, il debito pubblico italiano ammonta a una cifra abnorme, ed è aumentato, in un solo anno, di circa 83.2 miliardi di euro. Con buona pace di Tremonti e di tutti quelli che nei vari talk show televisivi si ostinano a celebrare le doti del nostro governo nell’aver saputo tenere i conti sotto controllo.

Questo è quanto - ed è quanto dichiarato dall’Adusbef e da Federconsumatori: semplicemente dividendo il debito pubblico italiano per i circa sessanta milioni di abitanti si arriva alla cifra che abbiamo appena detto. Ripetiamo, oltre 30 mila euro di debiti per ognuno di noi. Solo qui in redazione, per farci una idea, tra redattori e collaboratori, abbiamo circa 400 mila euro di debiti. Senza aver speso neanche un centesimo a rate. (…)

Per Ribelle Quotidiano

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti