Smog, illusioni e paradossi

In merito al problema dello smog - che periodicamente assurge alle cronache di prima pagina, come il caso di Milano dei giorni nostri - come al solito si sta svolgendo operazione di mistificazione della realtà (unitamente a polemiche di vario e piccolo cabotaggio). Non bastasse questo, tanto per cambiare, si sta sbagliando del tutto la chiave di lettura per comprendere il fenomeno e la prospettiva nella quale porre l’argomento.

Vediamo. Lo stop alla circolazione dei veicoli per la giornata di ieri a Milano ha dato il là a una serie di riflessioni inutili, fuori fuoco e tema, in merito al presunto “flop delle politiche anti-traffico”.

Il paradosso è esilarante, non fosse che riguarda un fenomeno terribile. Nel momento in cui si discute di Ztl, permessi e congestione stradale, e dunque di un ipotetico fallimento di queste politiche, si evita accuratamente (incapacità o volontà?) di citare l’origine del tutto: il nostro sistema di sviluppo e di vita sociale che prevede nell’automobile non solo uno status symbol, ma un elemento imprescindibile della nostra economia.

Nello stesso momento in cui si cercano di prendere - inutili - provvedimenti per ridurre la quantità di smog presente nelle nostre città, lo stesso Stato italiano, infatti, concede nuovi contributi pubblici per incentivare l’acquisto delle automobili e supportare - solo economicamente, s’intende - il settore del suo indotto.

Nello stesso momento in cui si fa finta di stracciarsi le vesti per la questione sanitaria (…)

(Per Ribelle Quotidiano)

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti