Tweet This

Autostrade a piedi

Cosa investono a fare sulle autostrade italiane? Forse per far spostare meglio i clandestini che continuano a sbarcare a Lampedusa?

A vedere dai poderosi piani di salvataggio dell’economia del governo in carica, infatti, pare che gli italiani non vedano l’ora (e abbiano la possibilità) di tornare a viaggiare sulle autostrade. E dunque di comperare automobili e benzina. Non si interviene sul costo del pane né sulle famiglie in crisi, infatti, ma si sostiene il settore delle auto - fabbricate in Polonia - e i suoi derivati come, appunto, le autostrade.

Forse torneremo a frequentarle, dunque - dopo che per anni erano state una sorta di luna park con biglietto d’ingresso invece che un servizio pubblico - ma in calesse, ovviamente. Che del resto non abbiamo un euro per andare avanti neanche a piedi, altro che autostrade.

Se il costo dei biglietti dei treni sono in aumento e i voli tutti cancellati, ecco pronto il piano di rilancio per il trasporto su gomma: tariffe ridotte e investimenti certi, per permettere alle persone di spostarsi più facilmente da un posto all’altro dell’Italia senza dover fare i conti con il fronte del No.

Fino a ora si poteva almeno sperare in qualche incidente dal vivo - una sorte di morte in diretta - o anche un omicidio, dalle parti di Badia al Pino. Ma il punto è lo spostamento: andare dove? 

Al Sud è inutile andare almeno fino a quando non completeranno il ponte sullo Stretto – per non parlare della Salerno-Reggio Calabria. La parte adriatica è da evitare che ormai i barboni li bruciano, e siccome la gente, piano piano, verso la vita da clochard si sta orientando, è meglio girare alla larga. Al NordEst fora i romani dal Veneto; al NordOvest fuori tutti almeno finché non si fa la Tav, ma una domanda, su tutte, sorge spontanea: spostarsi per fare cosa? E non è solo per i Camogli all’Autogrill che sono diventati oggetti da gioielleria, il punto è sempre la partenza, anzi prima: il carburante, nel serbatoio, chi lo paga?

(Pubbl. su Veleno Settimanale del 16/11/2008)

 

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti