Amigo Mio, pettinamo e bambuli

Veltroni l’Obamiano (anche detto “Veltroni l’Africano” o, “Un americano a Roma”) dovrà stare attento a tanti altri segni particolari, per quanto riguarda i suoi competitor, che non saranno certamente relativi al colore della pelle sul quale invece si discute in questi giorni in ogni angolo del globo terracqueo. 

D’Alema, Red di rabbia, ha anche aperto una sua televisione nazionale (che si chiama, appunto, Red) per affilare armi e baffi al fine di distruggere il nostro dabliu nazionale. Le elezioni europee sono vicine, e se anche Berlusconi punta dritto, senza un filo di presunzione ma con una tonnellata di scongiuri degli italiani, a vivere fino a 120 anni, e dunque a sedere dentro il Palazzo almeno fino a 119 (anche perché appena esce entra in Tribunale), qui c’è da rimboccarsi le maniche per costruire una bella diga che con spirito ultramodernista e riformatore si è deciso di estendere da Casini a Bertinotti, passando per Di Pietro, i Socialisti e perché no, anche i Radicali da poco scissi dai digiuni di Pannella che fanno dimagrire solo la Bonino.

Insomma, altro che Prima Repubblica, altro che Ulivo Bis, qui si va ben oltre il pentapartito. Praticamente D’Alema sta rilanciando una soluzione calcistica che potrebbe essere definita del centro campo a rombo con centravanti di sfondamento. Un solido 4-4-2 con tornanti di vario genere (in ballo anche Mastella) e Veltroni, ovvio, panchinaro fisso. Tutti della vecchia guarda, s’intende. Per quanto attiene ai Primavera li si lascia ad ammuffire ancora nel vivaio delle Università.

Eppure tutto questo non servirà a nulla. Anche in Italia come negli Usa, ci sarà il nuovo - e lo straniero - che arriva. Hanno già imparato tutto dai mega spot di Barack dell’ultimo periodo pre-elettorale, e se non ve ne siete ancora accorti nel nostro Paese stanno già tempestando le televisioni di reclame pubblicitarie per iniziare la marcia verso Montecitorio.

Il prossimo Presidente del Consiglio sarà Romeno. Così almeno, le mignotte ministro avranno ragione di causa.

(Pubbl. su Veleno Settimanale del 09/11/2008)

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti