Tweet This

No ai froci senza se e senza ma (pubbl Veleno Settimanale 18/03/07)

Finalmente il Papa parla come mangia

Non è un caso che il cardinal Ruini abbia terminato il suo incarico: sta per essere dirottato, dalla Santa Sede, verso il comando dei nuovi gruppi di resistenza Tuniche Bianche, braccio armato vero e proprio del Papa che oramai non si fida più di quei frocetti di guardie svizzere in calzamaglia.
Ratzinger, come fosse un Casarini qualsiasi, dà dunque scacco matto a tutti i black block, a tutti i Caruso, gli Agnoletto, le Sgrena e il mondo pacifinto nostrano, scegliendo la linea dura contro gli omosessuali e dimostrando al mondo politico intero cosa significhino le parole Ordine e Onore.
Senza se e senza ma, ma sul serio stavolta, no alle unioni di fatto, ai froci e alle lesbiche, anime deviate contronatura, controdemografia e controsacramento del matrimonio religioso. E che cazzo!
L’azione dei dissidenti papalini è stata concertata fin nei minimi particolari, organizzando spedizioni punitive nei sexy shop, ai quali verranno sfondate le vetrine e scuoiate vive le commesse, e organizzando soprattutto i blocchi dei binari dove passano i treni diretti nei paesi del nord, gironi sodomiti di sesso libero e omosessuale.
Per l’occorrenza sono state riaperte le stanze di tortura di Castel Santangelo e riesumati i libri con le procedure della caccia alle streghe.
A coppie, rigorosamente composte da un prete e una suora, sono state organizzate ronde nei quartieri bui onde scovare nella macchine appartate, dietro i cassonetti della mondezza e nei vicoli immondi, gli eretici del terzo millennio da bruciare vivi dentro Piazza San Pietro.

(pubbl. Veleno Settimanale 18/03/2007)

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti