Tweet This

È l’ora delle botte (pubbl Veleno Settimanale del 02/07/06)

Dopo l’Italia degli abbracci della settimana scorsa, è arrivato adesso il momento delle botte. Da orbi.
Sarà il caldo infuocato, sarà l’inferno dei Mondiali, la Finanziaria alle porte e la scure di Borrelli, ma l’Italia e il mondo hanno iniziato veramente a picchiarsi di brutto.

L’ex calciatore Pessotto “è stato (quasi) suicidato” dalla finestra della sede della Juventus della cui dirigenza fa parte – e qualche malelingua pensa che la cosa non c’entri nulla con il calcio né con lo scandalo in corso quanto sia un ammonimento per non permettere la prossima ventura grazia a Sofri.
Ci si picchia nei seggi elettorali per la Costituzione italiana e i padani stanno pensando di esiliarsi e fondare la Repubblica di Po (con dependance in Svizzera), ci si picchia alla Uil dove Prodi promette nuove tasse perché “l’evasione è alle stelle” (ma va?), ci si picchia nei cantieri dell’Anas che sono a secco di denaro, ci si picchia in campo, in Germania, tanto che gli arbitri ormai tirano fuori cartellini gialli come fossero figurine Panini e ci si picchia anche a casa di Naomi Campbell che visto il clima generale, si tiene pronta per il prossimo potente o calciatore di turno picchiando le sue colf. Così, per svago.

Ora, con uno sport nazionale che si chiama “calcio” non era certo lecito aspettarsi che l’occupazione principale degli italiani potesse essere fare carezze, però, e che diavolo, siamo quasi in ferie, chi più chi meno (più meno che più) almeno risparmiamoci qualche cazzotto per quando saremo bloccati sulla Salerno-Reggio Calabria no?

(pubbl Veleno Settimanale del 02/07/06) 

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti