La carica dei 102 (pubbl. Veleno Settimanale del 16/06/)

Prodit: brindisi corale per il primo traguardo raggiunto!

Grandissima mossa tattica da parte del governo Prodi, che per mascherare il fallimento dei primi cento giorni di attività, sposta in là il termine numerico e si propone con il record delle centodue poltrone.
A onta della manciata di voti con la quale ha ottenuto la maggioranza di larghe – larghissime, infinite, sbrindellate e appiccicate – intese, proprio per rimanere ben saldo numericamente, sono ben 102 i posti di comando realizzati dal nuovo Comandante Kirk nell’Enterprise della nuova legislatura. Nello Star Trek del post-berlusconismo, nel quale figurano esemplari umanoidi raccolti in vari pianeti (onde sostenere la rivoluzione bioetica e i pacs), le necessità più urgenti sono ora di due ordini, il primo a carattere militare e il secondo a carattere edile. Ma non si tratta del controllo in Iraq e neanche della sua ricostruzione.
Il rientro delle truppe è infatti indispensabile per rifornire le scorte armate dell’orda di nuovi ministri, sottomistri, segretari, sottosegretari e tanaliberatutti che sono stati designati, mentre i nuovi lavori di carattere edilizio sono per la più importante “grande opera” che il Centrosinistra sta mettendo in atto, ovvero la ricostruzione della Camera dei deputati, dove vi sarà un allargamento dei metri quadri disponibili, che per l’occasione, data la grande prolusione di nuove poltrone, verrà calcolata con il nuovo sistema metrico decimale apposito appena varato, ovvero il metroculo.
Centodue metroculi nuovi, pertanto, con tanto di corte e disimpegno, prato all’inglese per Verdi, Margherita e la Quercia, dopolavoro per i Rifondaroli, cassaforte per l’Italia dei Valori e un grande sanitarium trasversale a tutta la coalizione.
Altro che Villa Certosa di Berlusconi…

(pubbl. Veleno Settimanale del 16/06/) 

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti