Tweet This

L'intellettuale organico, la corte e le aspiranti First Lady /1

L'intellettuale organico potrebbe essere disorganico. Se fosse davvero intellettuale. O meglio, se fosse davvero un libero intellettuale.

I numeri li ha, il cervello anche - sembrerebbe - i coglioni un po' meno. Però è bravo. Bravo con le parole, bravo con le ralazioni diplomatiche, bravo con la manipolazione e bravo anche a prenderlo nel sedere.

L'intellettuale organico, nel tentativo di diventarlo (organico), lecca il culo all'organo, ma prima di arrivare a bersaglio è costretto a pascolare nel sottobosco di ignoranti editori sciacalli, di redazioni improbabili, di sottosegretariati opportunisti e markette di vario genere.

L'intellettuale organico è poi un insicuro, insicuro della posizione non ancora raggiunta dopo anni di traballaggio da puttana e poltrone toltegli da sotto al sedere. E l'insicurezza la dimostra in molte azioni che compie, in molte frasi che dice, in molte operazioni che mette in atto nel traffico costante di delegittimazione degli altri.

"il tuo peggior nemico è colui che fa il tuo stesso mestiere" 

L'intellettuale organico questa cosa la sa bene, soprattutto sa che per lui stesso primariamente vale, perché quando uno si sente insicuro nel mestiere che fa, ebbene solo di chi fa lo stesso mestiere può aver paura. 

E il nemico, pertanto, va tenuto a debita distanza.

L'intellettuale organico infatti ha bisogno di una corte intorno, ma di una corte che non pensa, anzi, meglio, di una corte che crede di sapere pensare con la propria testa ma di cui invece l'intellettuale stesso controlla, gestisce e indirizza ogni azione.

Per carità, la corte non ha colpa alcuna: la situazione d'indigenza suggerisce spesso di scendere a compromessi. Ma se il compromesso può essere accettato da chi muove i primi passi, da chi ha bisogno, da chi deve ancora crescere e non si regge in piedi con le proprie sole gambe, lo stesso non si può accettare dall'intellettuale. O da chi si definisce - e si fa definire - tale.

E poi e poi....

(continua...) 

 

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti