Elezioni anticipate

Sarebbe curioso, in realtà, se decidessero veramente di andare alle elezioni anticipate.
Anzi, a pensarci bene sarebbe un coupe de teatre degno di Berlusconi. Ma ve lo immaginate il terrore maldestramente dissimulato sulle facce di Prodi, Fassino e Rutelli, per non parlare delle sottane stracciate di Mastella e dello sfregarsi le mani di Bertinotti, nel constatare che è proprio il premier a voler andare al voto anticipato?
V'immaginate come l'Unione deflagrerebbe nel dover mettere a punto un programma condiviso dai riformisti ai movimentisti?
V'immaginate come verrebbe smascherata l'unione vuota e impossibile con la quale il Centrosinistra si è presentato alle elezioni? E anche nel caso in cui riuscisse a imporsi l'attuale opposizione, quanto durerebbe?
Previsione: al massimo fino alla scadenza già fissata naturalmente per le prossime elezioni politiche. Ma con due vantaggi in più (se così possiamo definirli) anzi tre: eviteremmo un anno intero di sterile campagna elettorale, eviteremmo l'immobilismo che ne deriverebbe, e arriveremmo a capire più in fretta che i due poli, con il maggioritario fasullo all'italiana, sono facce della stessa medaglia da mandare al macero.
vlm

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti