Tweet This

Gioco, partita, incontro.

Adesso però non cominciate a tirarlo per la mitria.
Dicono che Ratzinger sia la continuazione naturale dell’operato di Wojtyla. Altri che abbia sotterrato Voltaire con il suo fondamentalismo religioso. Per altri ancora sarà il “pastore tedesco” (grazie al Manifesto) delle anime cristiane. Secondo altri, addirittura, la celebrazione religiosa del neo-conservatorismo di Bush. Abbiamo visto un Ferrara esaltato, a “Otto e mezzo”, per l’incoronazione ecumenica della sua neo-dottrina teo-conservatrice. Berlusconi, ovviamente, ha fatto intendere che questo è il Papa del Centrodestra, il suo vicepremier in Vaticano.
A noi sembra più che altro una sorta di anello che si chiude, e non solo per motivi di residenza, tra il nichilismo di Nietzsche che dichiarava la morte di Dio e l’anti-nichilismo del compatriota Ratzinger, che combatte contro il relativismo etico e culturale.
Insomma, una spina nel fianco dell’Occidente turboliberista-capitalista-tecnicista-biotecnologista-fecondazionista-mondialista ecc. ecc. ecc.
Sempre che gli facciano fare anche il teologo, oltre che l’amministratore mediatico della Chiesa.
Sono tutti da scoprire, poi, i poteri superiori di Ratzinga.

Iscriviti alla mia mailing list personale. (No spam, No Ads. Promesso)

* campi richiesti