Ciao

Questo è il mio sito personale

(ciò significa, in poche parole, che oltre agli articoli e ai libri e a tutto il resto, potresti trovarci anche cose che non c'entrano nulla. E che in fin dei conti sono il meglio)

Una volta che hai chiaro in mente il tutto, si deve agire

Per forza.

Facciamo due conti: la pensione non la percepirò, probabilmente mi troverò a vivere in un mondo molto diverso da quello attuale e soprattutto mi pentirò amaramente, in futuro e se non avrò cercato almeno di cambiare strada, di non aver seguito cosa mi emoziona. Per cosa poi? Poca roba, in fondo e come ho (personalmente) dimostrato.

Come mi sentirò, cosa avrò ottenuto, come sarò tra uno, cinque o dieci anni se non avrò seguito cosa mi emoziona?

E insomma come ho già scritto giorni addietro: l’inazione ha un prezzo troppo, troppo alto.

Naturalmente arrivare a prevedere quanto ho scritto necessita di molto lavoro di spurgo dalle stronzate che ascoltiamo, leggiamo e vediamo ogni giorno, oltre a una buona biblioteca. Insomma bisogna selettivamente eliminare tutto ciò che inquina e non permette la nostra capacità di riflessione e giudizio. Cosa difficile a farsi, ma indispensabile - e anche avvincente, a dire il vero - se il cambiamento è ciò che si sente intimamente e se ciò che si vuole fare è agire in conseguenza invece di sonnecchiare senza (almeno cercare) di concludere qualcosa mentre la vita passa più o meno inutilmente.

A un certo punto, detto tutto questo, si ha ben chiaro in mente cosa non va e dunque si devono “cambiare le carte” (Cit.).

Cambiare il mondo nel quale si vive, almeno sul momento e rapidamente, non si può. Ergo c’è un’altra sola strada: cambiare noi stessi.

Meglio: non esistono ricette magiche (o sì?) ma una sana presa di coscienza.

E per attuarla, basta mettere a fuoco una sola cosa: cambiare i presupposti.

Altrimenti detto: diverso è meglio, se è più divertente e più efficace.

Ancora di più: se è più probabile che porti all’obiettivo (almeno un po’, rispetto alla certezza che ciò che si sta facendo, all’obiettivo non porterà mai).

Dunque: agire. Come? Lo vedremo passo passo.

Iscriviti alla mia mailing list personale. (Cioè: no spam, no Ads. Insomma un contatto diretto vero)

* indicates required

Il prima

Non c'è spazio: e manca pure l'aria